Chiesa di San Salvatore (resti)

Chiesa di San Salvatore (resti)

I resti della chiesa sono ciò che rimangono dell'antico monastero sirmionese di San Salvatore, fondato attorno alla seconda metà dell'VIII secolo d.C dalla regina Ansa, moglie dell'ultimo re dei Longobardi Desiderio. Alcuni materiali ed elementi architettonici pertinenti alla chiesa, tra cui un fammento di ciborio con iscrizione dedicatoria di Desiderio e del figlio Adelchi, sono attualmente esposti al Museo Archeologico di Sirmione.

Il complesso monastico, dopo successive fasi edilizie di ampliamento, fu quasi totalmente demolito agli inizi del secolo scorso. Solo nel 1959, grazie a un poderoso intervento di restuaro attuato dalla Soprintendenza Archeologica, fu possibile ripristinare l'aspetto originario dell'area absidale dell'edificio, che costituisce tuttora una delle testimonianze più significative dell'architettura tardo-longobarda. Si conservano attualmente infatti solo i resti dell'aula triabsidata della chiesa e tratti dei muri laterali.

Scopri di più sulla storia della chiesa di S. Salvatore (pagine 30-33) >>


Copyright photo: Tuomo Lindfors

News

 

Info

 

Via Re Desiderio - 25019 Sirmione (BS)


Orari di apertura
I resti della chiesa sono situati nel centro storico di Sirmione, all'interno dei giardini comunali, in via Re Desiderio. Sono sempre visitabili e senza nessun biglietto di entrata.


Contatti
IAT Sirmione
Tel.: 0303748721 / 0303748722
Email: iat.sirmione@provincia.brescia.it


Indicazioni stradali
- Vedi su Google Maps
- Muoversi in Lombardia


Vuoi ricevere la nostra Newsletter?